I 12 Migliori Whisky da Tutto il Mondo

Dici whisky e ti assale il dubbio: chi ne ha tra Irlandesi e Scozzesi? I primi lo chiamano whiskey, i secondi whisky. In realtà entrambe le diciture sono esatte e i due tipi di whisky differiscono per la tecnica. Ma allora qual è il miglior whisky?
In realtà, anche se le distillerie irlandesi e scozzesi eccellono per la qualità, il migliore distillato di cereali al mondo è frutto della globalizzazione: oggi i migliori whisky sono considerati quelli giapponesi, premiati nel concorso World Whisky Awards.

E i whisky italiani? In un paese dove i distillati di eccellenza sono altri sembrerebbe un’eresia parlare di whisky di marche italiane, eppure si stanno facendo strada nel mondo e vengono presi in considerazione dall’autorevole “Whisky Bible” tra le migliori distillerie.

Qual è il miglior whisky?

La differenza tra whisky o whiskey riguarda, il processo di distillazione e la tecnica di essiccamento dei cereali: i whisky scozzesi usano esclusivamente malto d’orzo che viene essiccato in forni in cui i cereali vengono a contatto col fumo (cosa che conferisce al liquore il suo caratteristico retrogusto di whisky  affumicato).

Inoltre viene distillato due volte. Il whiskey irlandese invece utilizza orzo non maltato insieme al malto vero e proprio ma non viene a contatto con il fumo: il prodotto distillato mantiene così gli aromi originali. Inoltre il whiskey irlandese viene distillato tre volte.

In ogni caso oggi i whisky si differenziano anche per i diversi luoghi di produzione e oltre ai celeberrimi distillati scozzesi ed irlandesi, troviamo il Bourbon whisky (un’altra variante) e il Tennessee whisky americani, il Canadian whisky e il whisky giapponese che applica alla lettera il disciplinare tradizionale scozzese, con in più quella capacità di esprimere il massimo della qualità che è tipico della cultura giapponese.

Qui di seguito to ti presentiamo i migliori whisky:

1. Whisky giapponese Suntory Japanese Harmony - Il miglior al mondo secondo la Whisky Bible

Suntory - HIBIKI SUNTORY...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Questo blended di oltre 10 whisky di malto con vari invecchiamenti racchiude il meglio delle tre distillerie di casa Suntory: i whisky di cui è composto l’Harmony sono tratti da ben 5 tipi diversi di botte, tra cui botti di quercia americana, botti di sherry europea e botti di rovere Mizunara.

Ha un colore ambrato e cristallino. Il naso esprime note di rose, litchies, legno con un tocco di rosmarino. Al palato ha una dolcezza che ricorda il miele e cioccolata bianca con canditi di arancia. Il finale è lungo con un ritorno del legno dolce e cenni di spezie.

Caratteristiche chiave:

Blended whisky elegante ed incredibilmente equilibrato

Bottiglia da 0,70 cl

43% vol.

Specifiche:

Marchio: Suntory

Zona di produzione: Giappone

2. Whisky Ardbeg Day – Il migliore malto di Islay

Ardbeg - Ardbeg Day & Feis Ile...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Questo whisky è stato dichiarato “Scotch whisky dell’anno” per tre anni consecutivi dall’esperto Jim Murray. Si tratta di un rilascio in edizione limitata del comitato imbottigliamento per festeggiare il primo giorno ufficiale Ardbeg – 2 giugno 2012.

Fondata nel 1815, la distilleria Ardbeg è venerata dagli intenditori di tutto il mondo. Produce infatti il single malt più torbato, fumoso e complesso tra tutti quelli dell’isola di Islay, rinomato per la sua deliziosa dolcezza, un fenomeno noto come “il paradosso della torba”.

Considerato oggi il “miglior malto di Islay”, l’Ardbeg è un whisky caratteristico con una storia avvincente. La sua reputazione è ben consolidata grazie a un single malt di culto e di nicchia che vanta appassionati sostenitori, costituiti in comitato di salvaguardia di migliaia di appassionati desiderosi di garantire che “le porte di Ardbeg non chiudessero mai più”.

L’Ardbeg Committee conta oggi oltre 100.000 membri in 140 Paesi del mondo.

Caratteristiche chiave:

Non ha davvero bisogno di acqua, è molto liscio così com’è

Bottiglia da 0,70 cl

56,7% vol.

Specifiche:

Marchio: Ardbeg

Zona di produzione: Scozia

3. Lagavulin Islay Single Malt Scotch Whisky – Il migliore per invecchiamento di 16 anni

Lagavulin 16 Year Old Scotch...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

La Lagavulin è situata in una cornice romantica sulla bellissima isola di Islay, con vista sul castello Dunyvaig. Il nome deriva dal gaelico “Laggan Mhoullin”, che significa “piccola valle nei pressi del mulino”.

Produce un whisky con profumi intensi e torbati.  Al naso, questo Single Malt corposo presenta delle note intense di fumo di torba, accompagnate da accenni di iodio e alghe.

Il gusto secco e torbato riempie il palato con una dolcezza delicata e forte al tempo stesso, seguita da sentori di mare, sale e legno. Il finale è persistente, elegante e fortemente torbato, con note intense di sale e alghe.

Si gusta al meglio servito in un tradizionale bicchiere da whisky, liscio o con un goccio d’acqua naturale. Gustatelo da meditazione oppure abbinatelo a del cioccolato fondente o a un buon sigaro cubano (ad esempio Montecristo n.2).

Caratteristiche chiave:

È il principale riferimento per i whisky torbati di Islay

Bottiglia da 0,70 cl

43% vol.

Specifiche:

Marchio: Lagavulin

Zona di produzione: Scozia

4. Oban 14 anni Scotch Whisky Single Malt – Il migliore prodotto nelle distillerie più piccole di Scozia

Oban 14 anni Scotch Whisky...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

È un whisky single malt prodotto nelle distillerie più piccole e antiche della Scozia: la distilleria Oban è stata fondata nel 1794 e dispone di due soli alambicchi. La Oban Distillery è nota principalmente per il suo whisky di malto invecchiato 14 anni, segnato dalla caratteristica impronta del mare.

La bevanda che distillano viene lentamente condensata all’esterno, tra i tetti, in vasche di legno esposte alla salsedine, per offrire delle note distintive intense, che si sposano benissimo con il caramello salato. L’Oban 14 Year Old è una miscela sublime di sentori intensamente dolci, secchi e torbati, accompagnati da note fruttate di arance, pere e fichi secchi, con accenni di sale marino.

Da  bere liscio o con un goccio d’acqua di fonte.

Caratteristiche chiave:

Con le sue note intense, è un ideale accompagnamento per il pesce, come ostriche o salmone affumicato

Bottiglia da 0,70 cl

43% vol.

Specifiche:

Marchio: Oban

Zona di produzione: Scozia

5. Laphroaig Quarter Cask Islay Single Malt – Il migliore per Medaglia d'Oro San Francisco World Spirits Competition

Laphroaig Quarter Cask Single...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Questo single malt non filtrato a freddo è affinato in fusti di rovere di piccola taglia che hanno precedentemente contenuto bourbon. È una versione ufficiale che si riallaccia ad  una tradizione datata  XIX secolo.

Qui si è in presenza del doppio effetto Laphroaig: una dolcezza fruttata che avvolge la torba, come dire una mano di ferro in un guanto di velluto. Il colore è ambrato con riflessi d’oro vecchio. Il naso è ampio e fermo, marcato da note di cioccolato e di torba grassa.

All’ossigenazione, evolve su note iodate, salate (frutti di mare) così come sugli agrumi (arance). La bocca è equilibrata e notevolmente fruttata, si sviluppa sul caffè torrefatto. Note di catrame, di caucciù e di spezie dolci. Il finale è lungo, si prolunga sui frutti esotici (mango, frutto della passione) e su note balsamiche (legno pregiato) d’una grande freschezza. 

Caratteristiche chiave:

Doppio effetto Laphroaig: una dolcezza fruttata che avvolge la torba

Bottiglia da 0,70 cl

48% vol.

Specifiche:

Marchio: Laphroaig

Zona di produzione: Scozia

6. Jim Beam Kentucky Straight Bourbon Whiskey – Il migliore bourbon al mondo

Jim Beam Kentucky Straight...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Dalla personalità unica e inconfondibile, non assomiglia ad alcun altro bourbon. Realizzato con almeno il 51% di mais e con fresca acqua sorgiva priva di ferro, viene fatto maturare in botti nuove di rovere bianco americano carbonizzate.

Stoccato nei tipici magazzini multipiano si trasforma, dopo una maturazione di 4 anni, in un prodotto molto particolare.

Il suo sapore è persistente e sfaccettato con aromi dolci di vaniglia e fieno falciato, frutta secca, miele ed erbe aromatiche.

Buon corpo e morbidezza, con dolci note di rovere tostato, di vaniglia e di crema pasticcera. Il final è lungo su ricordi di resina.

Caratteristiche chiave:

Aromi e gusto lo rendono l’inconfondibile bourbon numero 1 al mondo

Bottiglia da 1 litro

40% vol.

Specifiche:

Marchio: Jim Beam

Zona di produzione: Kentucky, Usa

7. Talisker Skye Scotch Whisky – Il migliore per prodotto nella distilleria affacciata direttamente sul mare

Talisker Skye Whisky Scozzese...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Ogni sorso evoca l’essenza stessa dell’isola di Skye, uno dei paesaggi remoti, ventosi e suggestivi della Scozia. E in effetti questo whisky viene prodotto nella più antica distilleria dell’isola di Skye, affacciata direttamente sul mare.

Offre un profilo gustativo dolce e rotondo, definito da note di agrumi freschi, fumo dolce, spezie pepate e dal tradizionale sentore marino del Talisker. Al naso si presenta dolce e dalle note di miele sempre intense, con lievi sentori torbati.

Al palato offre sapori di rovere tostato al miele, legno dolciastro e un accenno pepato e torbato. Il finale è leggermente meno dolce e secco, con sentori speziati e torbati. È maturato in botti di rovere americano già utilizzate e tostate, con una maggioranza di botti tostate.

La distilleria Talisker attinge l’acqua da 21 sorgenti sotterranee. Si gusta al meglio liscio o con un goccio d’acqua. Oppure provalo in un delizioso Whisky Sour.

Caratteristiche chiave:

Dal gusto corposo e piacevolmente fumoso, evoca l’essenza stessa dell’isola di Skye

Bottiglia da 0,70 cl

45,8% vol.

Specifiche:

Marchio: Talisker

Zona di produzione: Scozia

8. Whisky scozzese Aultmore – Il migliore per non filtrato a freddo

Aultmore Scotch Whisky 12 Anni...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Nato nella nebbia, è la combinazione perfetta di orzo maltato e acqua pura dello Speyside. Ogni sorso di questo whisky invecchiato 12 anni porta con sé un gusto avvolgente, fatto di delicata rugiada e un sentore di umidità rilasciato dall’utilizzo di una particolare fonte d’acqua.

Il colore è limpido, con luminosi riflessi d’oro. L’aroma è quello delle erbe selvatiche, unite a mela, muschio e pera. Il gusto vivo e cremoso ha delle note floreali che accarezzano il palato. Il finale breve lascia il segno, con la dolcezza della vaniglia che incontra note di muschio e cereali.

Caratteristiche chiave:

12 anni di attesa, per uno scotch di cristallina purezza

Bottiglia da 0,70 cl

46% vol.

Specifiche:

Marchio: Aultmore

Zona di produzione: Scozia

9. Dewar's True Scotch – Il migliore per grande arte del Blended Scotch

Dewar's 12 Scotch Blended...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Invecchiato 12 anni nel clima nebbioso della Scozia Orientale, è un blend equilibrato, ottenuto dalla lenta miscelazione di whisky di malto e una ricca varietà di grano.

Un delizioso mix di vaniglia, miele, ed erica in fiore, dal malto intenso e cremoso. Dal 1846 il whisky Dewar’s, prodotto con metodo tradizionale nella contea del Pertshire, nel pieno entroterra delle Highlands, rappresenta uno dei migliori esempi della grande arte del Blended Scotch.

Modalità di consumo: è perfetto liscio, straordinario on the rocks.

Caratteristiche chiave:

Sapientemente equilibrato, si ottiene  dalla lenta miscelazione di whisky di malto e una ricca varietà di grano

Bottiglia da 0,70 cl

43% vol.

Specifiche:

Marchio: Dewar’s

Zona di produzione: Scozia

10. Cardhu Single Malt Scotch Whisky – Il migliore whisky conviviale per avvicinare anche i meno esperti

Cardhu 12yo Single Malt Scotch...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Da ben 200 anni, il Cardhu viene prodotto in una delle antiche distillerie scozzesi dello Speyside, tra le colline nei pressi del Fiume Spey.

Questo 12 Year Old invitante e vellutato è il Cardhu per antonomasia, un tripudio di note di miele dorato dal carattere delicatamente fruttato. Ha un gusto morbido ben equilibrato: all’inizio risulta dolce e fresco, per poi passare a un retrogusto secco e persistente di fumo dolce.

Il suo carattere leggero è un ottimo inizio per chi vuole intraprendere un viaggio nel mondo del whisky. Le note morbide e mielose spiccano quando è servito liscio o con del ghiaccio.

Presentato in una bellissima confezione dorata esclusiva, è un regalo ideale per ogni amante del whiskey.

Caratteristiche chiave:

Ha un gusto deciso e forte ma non troppo alcolico     

Bottiglia da 0,70 cl

40% vol.

Specifiche:

Marchio: Cardhu

Zona di produzione: Scozia

11. Jack Daniel'S Gentleman Jack – Il migliore whisky della tipologia di Tennessee Whiskey americano

Jack Daniel'S Gentleman Jack...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

È un Tennesse Whisky prodotto da cereali come mais, orzo e segale, nato come interpretazione superiore e più raffinata del Jack Daniel’s No. 7.

Tali caratteristiche derivano dalla zona di maturazione, che coincide con il sesto piano dei magazzini di stoccaggio, consentendo uno sviluppo maggiore di note fruttate fresche.

Il prodotto appena distillato viene fatto passare per ben due volte per il filtro a carboni di acero americano che conferisce alle acquaviti un sapore più caldo e meno asprigno, oltre a un’incredibile morbidezza.

Il naso è pulito e morbido, con sentori di caramello e vaniglia e la bocca si caratterizza pee aromi delicati che confermano il naso. Il finale è lungo, caldo e delicato.

Caratteristiche chiave:

Ha un finale lungo, delicato e indimentcabile

Bottiglia da 0,70 cl

40% vol.

Specifiche:

Marchio: Jack Daniel’s

Zona di produzione: Tennessee, Usa

12. Whisky italiano Puni Gold The Italian Malt Whisky – Il migliore per essere riconosciuto dai maestri anglosassoni

Puni GOLD The Italian Malt...

Clicca l’immagine per maggiori informazioni

Prodotto nelle Alpi settentrionali italiane nella caratteristica distilleria a forma di cubo di Puni, lo spirito è stato maturato esclusivamente in botti ex-Bourbon first-fill. Rispecchia lo stile classico dell’Italian Malt Whisky.

Come whisky leggero, profumato ed elegante si afferma grazie al suo straordinario gusto squisito e morbido. Il suo colore oro brillante e i suoi aromi armonici ne fanno un whisky dominato da una dolcezza ricca e profonda.

Offre aromi di vaniglia, fiori, frutti di frutteto, alcuni frutti di bosco, spezie miste, caramello e quercia. Il prodotto finale è presentato con il classico occhio italiano per lo stile, in una sorprendente bottiglia e scatola moderne.

Vincitore di una medaglia d’argento all’International Wine and Spirits Competition 2018.

Caratteristiche chiave:

Miscela di cereali composta da orzo maltato, grano e segale della Val Venosta

Bottiglia da 0,70 cl

43% vol.

Specifiche:

Marchio: Puni

Zona di produzione: Italia

Che cos’è il whisky?

whisky

Il whisky per tradizione antica nasce scozzese, anche se gli irlandesi (che lo chiamano whiskey con la “e”) si vantano della sua paternità. Si tratta di una bevanda ottenuta dalla distillazione del malto fermentato a partire da orzo, frumento o segale. Il liquore viene fatto invecchiare in botti di legno, solitamente di quercia bianca.

Il suo nome in lingua gaelica significa “acqua della vita”. Originariamente veniva distillato dai monaci, ma successivamente la distillazione è diventata un’operazione commerciale e specializzata di ogni singolo territorio e provincia. I malti scozzesi più famosi sono quelli che vengono dalle distillerie di Islay e dell’isola di Skye.

Come scegliere il miglior whisky?

Il whisky non è solo un liquore forte che fa crescere uomini duri e tutti d’un pezzo; è un superalcolico classico e in quanto tale non ha scadenza se conservato chiuso. Berne un bicchierino alla fine della giornata, magari in compagnia con gli amici, è ideale anche solo per gustare semplicemente il suo sapore. Dietro al whisky c’è sempre atmosfera e tradizione, che lo rende ricco profumi, aromi e sfumature, che rappresentano caratteristiche tipiche di Al miele ciascuna marca.

In commercio si trovano tantissimi tipi di whisky, alcuni affumicati e più torbati come quelli scozzesi, e la globalizzazione ha fatto sì che si possano trovare prodotti di qualità anche in mercati diversi da quelli che ci si potrebbe aspettare per la tradizione di questo liquore. Tanto che vengono pubblicate vere e proprie guide che stilano una classifica con punteggio per tutte le categorie di whisky.

Per scegliere un buon whisky, dobbiamo valutare alcuni fattori: se è un distillato single malt o è un blended (cioè una miscela sapientemente bilanciata di più whisky), quanti anni è stato fatto maturare, in quale tipo di legno, quali colori e aromi presenta.

Riconoscere un whisky dalla provenienza?

Spieghiamo brevemente la differenza tra scotch whisky e bourbon. C’è infatti un’antica rivalità tra una sponda e l’altra dell’oceano, ma se il processo di distillazione che si basa su una tradizione centenaria non fa molta differenza, sono le zone di produzione che influenzano il sapore e gli aromi che caratterizzano i diversi liquori

Lo scotch è il nome del whisky prodotto in Scozia. Ha un sapore intenso di legno e di torba dovuto al metodo di produzione: viene creato da malto d’orzo e frumento e invecchia minimo tre anni in botti di quercia bianca.
Il bourbon viene prodotto in America, è un distillato a partire da segale, mais e cereali di grano, in cui il mais è almeno il 51%, ha un gusto più leggero e dolce dal sentore di vaniglia, miele e caramello, e non deve maturare così a lungo come il whisky.
Tipico è anche il Canadian whisky che usa in prevalenza segale.

Come scegliere il whisky giusto per te?

Come-scegliere-il-whisky

Ora che sei un po’ più esperto almeno sulla terminologia usata e ti sei fatto un’opinione migliore sui tipi di whisky che potrai trovare sul mercato, sei pronto per scegliere il tuo tipo di whisky, quello che più ti rappresenta e che da più risalto alla tua personalità. Potresti però non sapere con certezza cosa esattamente ti piace, ecco quindi alcuni profili che ti potrebbero aiutare a scegliere più rapidamente il tuo tipo di whisky ideale.

Diventa un uomo whisky (o donna whisky) semplicemente assaggiando un whisky in un negozio di liquori di fiducia. Bevine un bicchiere consapevolmente e bevi bene. Se inizi la tua relazione con il whisky con il piede sbagliato, avrai difficoltà a capire cosa stai cercando veramente. Dirigiti a una enoteca locale per una degustazione. Dai un’occhiata ai diversi tipi di whisky e vedi cosa puoi scoprire di ciascuno. Quando inizi a gustare il whisky, chiediti quanto segue:

Questo whisky ha un sapore fruttato, dolce o speziato? Il liquore sta andando giù liscio o è una corsa accidentata? Il whisky può reggere la tua personalità selvaggia e divertente?

Una volta che hai determinato il tipo di whisky che desideri, è ora di andare alla ricerca di un buon whisky.

Scegli un whisky in base alla provenienza

Ogni marchio di whisky è diverso, ma almeno restringere la ricerca per paese ti darà una migliore possibilità di scegliere un whisky che adorerai per sempre.

Scozia

Il whisky Speyside si riferisce a un tipo di scotch che viene distillato nel nord-est della Scozia con malti puri. Oltre la metà di tutte le distillerie scozzesi si trova in questa zona. Scendono abbastanza bene e sono un ottimo modo per diventare un esperto di whisky. Ma sembrerai ancora piuttosto fantasioso quando dici alla persona accanto a te che stai bevendo uno Speyside.

Irlanda

Se sei la classica persona capace di stare al centro della scena, mostra la tua personalità con il whiskey irlandese. Il whiskey irlandese è una scelta classica che ti offre molte opzioni. In generale, non è troppo dolce, ma non abbastanza amaro da spegnere la persona accanto a te alla festa. Fai scoppiare delle melodie, fai delle risate e bevi un whisky che ha una personalità da abbinare alla tua. Fai solo attenzione e fai scorta. Il whisky irlandese si sta esaurendo!

Stati Uniti

Il whisky americano è una categoria che include la maggior parte dei bourbon prodotti in serie, tra cui il famoso Jack Daniel’s. I bourbon maturano rapidamente  e generalmente offrono profumi di vaniglia o altri sapori dolci. Se sei nuovo di questo tipo di superalcolico e vuoi scegliere un whisky che è più probabile che scenda liscio nella tua gola, inizia il tuo viaggio con una buona bottiglia di bourbon.

Canada

Il whisky canadese offre molte scelte per gli amanti del liquore con tutte le preferenze di gusto. Se vuoi qualcosa di un po’ più fruttato, o speziato, o semplicemente un drink, puoi trovare un whisky canadese da gustare durante la sera. È anche una buona scelta se vuoi mescolare il tuo whisky in un cocktail.

Giappone

Fai un viaggio in Giappone. Il whisky giapponese è un whisky più liscio che prende tutta la conoscenza tecnica di fare un buon whisky e aggiunge sapore e stile giapponese. È morbido e fruttato e ti fa sembrare più colto e unico di quello che probabilmente sei, perché al giorno d’oggi il miglior whisky al mondo viene da quel paese (comunque anche quelli scozzesi rimangono tra i migliori al mondo…)

India

Tecnicamente non è un whisky per gli standard classici europei, ma se vuoi provare qualcosa di un po’ più trasgressivo, quello indiano che usa la melassa per il suo whisky e lo rende un po’ più dolce, libera la tua mente!

E se vuoi offrire qualcosa di dolce alla persona accanto a te alla festa e avere un argomento divertente per intavolare un rapporto, prendi un po’ di whisky indiano nella tua  prossima esperienza con un alcolico.

Domande sul whisky

Vuoi saperne di più? Continua a leggere qui!

Come si produce il whisky?

Come-si-produce-il-whisky

Il processo di distillazione del whisky è antico di centinaia di anni. Il primo passo è la scelta del miglior orzo possibile, che viene immerso nell’acqua per circa 36-48 ore e fatto maltare perché avvenga la germinazione. Una volta apparsi i germogli, viene essiccato in forno ad aria calda.

In Scozia, oltre all’aria si usa asciugarlo con fumo di torba, estremamente pungente e penetrante, che determinerà le caratteristiche del prodotto finito. Quando è secco viene macinato e mescolato all’acqua calda per la macerazione.

Ciò che si ottiene da questa macerazione viene spostato in grossi serbatoi per la fermentazione. In ogni fase, l’acqua è di sorgente purissima, non a caso quasi tutte le distillerie sorgono nei pressi di sorgenti naturali. Qui si aggiunge il lievito e il liquido viene lasciato fermentare in modo che gli zuccheri producano l’alcool.

Questa specie di mosto fermentato viene riscaldato negli alambicchi. Il liquido di miglior qualità viene raccolto e messo nelle botti di rovere per maturare. Il resto viene estratto e distillato nuovamente.

Dal punto di vista legale, per poter essere definito whisky scozzese è necessario che la maturazione duri almeno tre anni.

Generalmente matura in botti precedentemente utilizzate per invecchiare bourbon americano o sherry. Quando l’etichetta del whisky riporta un’età, questo dato si riferisce al suo tempo minimo di maturazione.

Chi ha inventato il whisky?

Chi-ha-inventato-il-whisky

Tradizionalmente si fanno risalire le prime pratiche di distillazione del whisky a San Patrizio, protettore d’Irlanda e ai suoi monaci, ma non abbiamo documenti che confermino l’origine irlandese del whisky, il primo riferimento documentato dell’aqua vitae è stato trovato in Scozia e risale al 1494.

Quanto costa il whisky?

Quanto-costa-il-whisky

Per un acquisto ragionato del miglior whisky occorre tenere conto dei diversi fattori che abbiamo già analizzato, che portano a garantirti il miglior rapporto qualità prezzo. I whisky di singolo malto generalmente hanno un prezzo più elevato di quelli che sono ottenuti miscelando tra loro diverse varietà che sono di livello più economico anche se di qualità. Gli acquisti migliori si possono anche fare tramite vendita online ma non acquistare prodotti troppo a basso prezzo, ne va della qualità del tuo bere e della tua salute. La fascia di prezzo va dai 15 ai 50 euro.

Conclusioni

Se vuoi scegliere un whisky di qualità tieni conto della provenienza, dell’età di invecchiamento, dei sapori, dei materiali con cui lo si è prodotto, degli aromi sviluppati all’olfatto, dell’opinione raccolta da diverse fonti.

Bevi moderatamente, specie se poi ti devi mettere alla guida, perché il whisky – al pari di altri alcolici come rum, vodka, vino e birra – è un vasodilatatore, mentre a piccoli dosaggi può anche essere un digestivo. Si consiglia poi di fare attenzione, come tutti i liquori con elevati gradi alcolici, fa ingrassare!

Anna Fraschini
Anna Fraschini
Post sullo stesso tema

Lascia un commento

Torna su