miglior-spiralizzatore
OffertaBestseller No. 1

Il miglior spiralizzatore è il modo più semplice e divertente per incorporare un maggior quantitativo di verdura e frutta nella tua dieta. È anche un efficace espediente per aumentare il consumo di piatti salutari da parte dei tuoi bambini.  Ti permette infatti di intrufolare tante verdure extra in un’inedita forma di vivaci “spaghetti”.

Nato in Giappone, lo spiralizzatore è diventato in breve tempo un apparecchio trendy e molto apprezzato dai cuochi domestici e professionali di tutto il mondo.

Migliori Spiralizzatori

Qual è il miglior spiralizzatore?

Questo strumento da cucina ti permette di tagliare in poche mosse la verdura e la firma in forma di freschissime tagliatelle da aggiungere alle tue preparazioni. Alcuni modelli producono anche riccioli vegetali di diverso spessore, consentendoti di dare libero sfogo alla tua creatività.

Una cosa davvero interessante di questi strumenti è che sono molto convenienti, con un prezzo medio sotto i 15 euro per le versioni manuali. E se cerchi la massima comodità, in commercio trovi anche alcuni tipi elettrici che partono da circa 50 euro.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori spiralizzatori:

1. Spiralizzatore di verdure elettrico Severin – Il migliore per assenza di sprechi

Grazie alle sue lame particolarmente lunghe, questo apparecchio consente di utilizzare tutto l’alimento, senza sprechi.

È dotato di quattro diversi inserti per la realizzazione di spirali in diverse larghezze e forme, dagli spaghetti alle tagliatelle di verdura.

Si presta a fornire piccole o grandi quantità, facilitando così l’assunzione di frutta e verdura da parte dei bambini.

Completano le sue caratteristiche l’imbocco per il riempimento con chiusura di sicurezza e pestello extra lungo.

Caratteristiche chiave:

Il contenitore è bpa free

Con manico e indicatore di livello

Ha una capacità di 1250 ml, per preparare piccole e grandi quantità

Specifiche:

Marchio: Severin

Funzionamento: elettrico – 80 W


2. Spiralizzatore di verdure Sedhoom – Il migliore per ergonomia

Frutto di uno studio progettuale volto all’ergonomia, è concavo a tre lati per una presa facile e una maggiore attenzione al comfort durante l’utilizzo.

È fornito di 4 diverse lame per consentire di effettuare tagli differenti di frutta e verdura.

Grazie al blocco di sicurezza, si può cambiare la lama con un solo giro, mentre lo spessore è determinato dall’utente.

La struttura è prodotta in plastica abs ecologica, senza bpa o pfoa, mentre le lame sono in acciaio inossidabile 304 di alta qualità alimentare.

Caratteristiche chiave:

Molto compatto, è facile da riporre e non occupa spazio in cucina

I materiali ecologici hanno un basso impatto ambientale

Il blocco di sicurezza consente di cambiare facilmente la lama

Specifiche:

Marchio: Sedhoom

Funzionamento: manuale

3. Spiralizzatore verticale Sedhoom – Il migliore per stabilità

Lo spiralizzatore di verdure ha una ventosa collocata sul fondo che consente di fissarlo meglio e renderne più comodo e facile l’uso.

È dotato di 4 lame di diverse dimensioni e, grazie al suo ampio contenitore, si rivela molto pratico nell’utilizzo.

Basta girare l’apposita manovella e spingere leggermente in avanti per affettare senza sforzo qualsiasi tipo di verdura. La pulizia è semplice perché le diverse parti possono essere staccate e lavate in lavastoviglie.

Caratteristiche chiave:

Tutti i componenti possono essere lavati in lavastoviglie

Viene fornito completo di 4 lame

Il funzionamento è fluido e non richiede alcuno sforzo

Specifiche:

Marchio: Sedhoom

Funzionamento: manuale

4. Spiralizzatore di verdure manuale Müeller – Il migliore per regolazione anche per mancini

Viene fornito con quattro lame per la creazione di spaghetti o tagliatelle in altrettante larghezze. Lo snocciolatore più stretto consente di sprecare meno parti del frutto o della verdura, mantenendo così le sostanze nutritive e la freschezza degli alimenti.

Il ripiano coperto protegge le lame non utilizzate dai succhi che colano durante l’utilizzo.

L’apparecchio ha una struttura compatta, realizzata in robusta plastica abs, con componenti solidi di nuova progettazione e una guida che consente di applicare le lame più agevolmente.

È regolabile con facilità anche dagli utenti mancini.

Caratteristiche chiave:

È prodotto con robusta plastica abs priva di bpa

In dotazione sono fornite quattro lame

La sostituzione dei vari componenti è agevole e sicura

Specifiche:

Marchio: Müeller

Funzionamento: manuale

5. Spiralizzatore di verdure Kenwood – Il migliore per ampia capacità della ciotola

È in grado di affettare frutta e verdura in strisce di diverso diametro per aggiungere ai tuoi piatti un tocco fresco e creativo.

Permette di affettare facilmente la verdura e la frutta e di reinventare insalate, dessert e antipasti, senza bisogno di coltello e tagliere.

Ha un sistema di taglio a tre rulli per consentire di ottenere altrettante forme di spaghetti. La sua ciotola raccogli verdura ha una capacità di 0,5 litri.

Caratteristiche chiave:

Il suo sistema di taglio a tre coni consente di ottenere diverse dimensioni di spaghetti di verdura

La ciotola ha una capacità di 0,5 litri

Ha un design lineare che si intera con facilità in ogni ambiente cucina

Specifiche:

Marchio: Kenwood

Funzionamento: elettrico – 70 W

6. Spiralizzatore Ohdani – Il migliore per prezzo interessante

Il suo design a lama aperta è adatto per ogni tipo di frutta e verdure rettangolari e rotondi, come zucchine, carote e cetrioli, patate, cipolle o barbabietole.

È completo di tre tipi di lame in acciaio inossidabile 304, che possono tagliare rapidamente frutta e verdura in filamenti a spirale da 3 mm, seta grezza 6 mm o nastro.

Oltre a consentire un utilizzo in piena sicurezza, il tappo di copertura mantiene fissi gli alimenti che si desidera tagliare senza trasferire il loro odore sulle mani.

Caratteristiche chiave:

Il suo design ergonomico rende pratico e sicuro l’utilizzo

Nella confezione sono incluse tre lame

È coperto da una garanzia a vita

Specifiche:

Marchio: Ohdani

Funzionamento: manuale

7. Ajoxel  Spiralizzatore – Il migliore per facilità di utilizzo

Caratteristiche chiave:

Prodotto in robusta plastica, ha una lama molto affilata che permette di tagliare a spirale. Affetta verdure in modo pratico e permette di realizzare piatti alternativi, includendo più verdure nella propria dieta .

È progettato con tre pulsanti  che permettono alle lame di cambiare il tipo di taglio. La chiusura di sicurezza garantisce la completa protezione delle mani. SI pulisce facilmente, anche in lavastoviglie.

Caratteristiche chiave:

È realizzato in plastica molto resistente

I suoi re pulsanti consentono di cambiare il tipo di taglio

Ha una chiusura di sicurezza per proteggere le mani

Specifiche:

Marchio: Ajoxel

Funzionamento: manuale

8. Spiralizzatore Lurch – Il migliore per utilizzo in sicurezza

Non si corre alcun rischio con questo modello, che tiene lontane le mani dalla lama. La verdura viene infatti spinta contro il sistema di taglio dal meccanismo incorporato nella manovella.

Viene fornito completo di tre lame facilmente intercambiabili. Si pulisce con facilità, basta sciacquarlo sotto l’acqua corrente.

Caratteristiche chiave:

La lama è particolarmente affilata, per un taglio preciso

Basta girare la manovella, con il minimo sforzo

Sono presenti tre lame

Specifiche:

Marchio: Lurch

Funzionamento: manuale

Quali tipi di spiralizzatori per verdura e frutta?

spiralizzatori-per-verdura

Le affettatrici di verdura e frutta sono disponibili fondamentalmente in tre versioni principali: a manovella, a pressione ed elettrici. Tutti e tre questi tipi ti danno al possibilità di creare in modo semplice e veloce freschissimi spaghetti e tagliatelle vegetali. Il loro funzionamento è però leggermente diverso e ciascun prodotto ha i suoi pro e contro.

  • Spiralizzatore a manovella

Molti dei più popolari affetta verdure a spirale rientrano in questa categoria. Questi dispositivi sono dotati di solito di ventose sul fondo che consentono di tenerli fissi sul piano di lavoro durante l’utilizzo. Il loro funzionamento è affidato a una manovella che, quando viene ruotata, fa avvicinare la verdura alle lame in acciaio inox della macchina.

Questi modelli  sono fra i più apprezzati dai cuochi di ogni livello di abilità, perché sono in effetti molto semplici da utilizzare. Il loro principale svantaggio e che, rispetto ai modelli a pressione, costano di più e occupano più spazio. Il loro prezzo è compreso tra i 15 e i 40 euro e sono generalmente abbastanza ingombranti.

Se hai uno spazio limitato nella tua cucina o sei alla ricerca di un modello a basso prezzo, a discapito dell’estrema facilità di utilizzo, questo tipo di affettaverdure a spirale  potrebbe non essere la scelta migliore per te. Ma se desideri un prodotto di alta qualità che renda il lavoro più semplice, potrebbe valere la pena spendere un po’ di più.

  • Spiralizzatori a pressione

La seconda categoria di spiralizzatori accoglie i modelli a pressione. Spesso a forma di clessidra, questo tipo di dispositivo richiede un po’ più di intervento manuale, quindi dovrai metterci un po’ più di lavoro e di forza per ottenere i tuoi spaghetti vegetali.

La progettazione e l’uso di una versione a pressione è molto semplice. Metti la tua verdura dentro lo spiralizzatore e poi giri una manopola per produrre la pasta a spirale. È un po’ più impegnativo da usare rispetto a un modello a manovella, ma l’opinione degli utenti del web conferma che tutto sommato consentono di raggiungere con discreta facilità il risultato desiderato.

Si tratta di un genere di dispositivi a basso prezzo, di solito li puoi trovare nella vendita online in una fascia di prezzo compresa tra i 7 e i 10 euro. Un altro vantaggio è la compattezza: non occupano molto spazio e li puoi inserire in un cassetto della cucina.

Hanno però un lato negativo, molti recensori di questi prodotti hanno menzionato un maggiore spreco della verdura, per via dei pezzi di vegetali che rimangono dopo aver creato la pasta a spirale. Inoltre, non possono essere utilizzati con tutti i tipi di verdure: per funzionare in modo efficiente hanno bisogno di alimenti abbastanza larghi. Se però cerchi il prodotto più economico da lasciare in un cassetto, uno spiralizzatore a pressione è la soluzione migliore.

  • Spiralizzatori elettrici

Ebbene sì, la tecnologia è arrivata anche qui. Alcune aziende hanno in catalogo dei modelli elettrici che fanno tutto al posto tuo. Basta posizionare la verdura e la frutta nell’imboccatura superiore, accendere l’apparecchio per tagliare frutta e verdura a spirale e attendere qualche secondo. Ed ecco pronti i tuoi spaghetti vegetali senza alcuna fatica e senza alcun rischio: durante queste operazioni, infatti,  le dita si trovano ben distanti dalle lame.

Al di là della praticità, comunque, vanno segnalati alcuni svantaggi rispetto ai modelli manuali. Innanzitutto, sono più ingombranti e occupano ulteriore spazio sul tuo piano di lavoro. Inoltre, a differenza dei tipi a manovella e a pressione che si lavano sotto il getto dell’acqua (se non sono addirittura integralmente lavabili in lavastoviglie), richiedono alcuni passaggi in più per pulire il corpo macchina in plastica abs. Non da ultimo, il prezzo. Stai comunque valutando un tagliaverdure elettrico, dotato di motore: metti a budget almeno 50 euro.

Fattori da considerare quando si sceglie uno spiralizzatore?

zucchine

Potresti essere sorpreso dal numero di prodotti di marca nota e meno nota che trovi in vendita. Ciò significa che hai molte opzioni tra cui scegliere, ma anche che devi passare un po’ di tempo a considerare le varie caratteristiche dei singoli modelli. Ecco alcuni dei principali fattori da considerare che ti aiuteranno a capire quale strumento è più adatto a soddisfare le tue specifiche esigenze di utilizzo.

  • Prezzo

La maggior parte delle persone parte proprio da qui quando è in procinto di acquistare un nuovo utensile da cucina. Come anticipato, tutto dipende dal tipo di spiralizzatore che stai cercando: puoi investire meno di 10 euro per un tipo a pressione, tra i 15 e i 40 euro per i modelli a manovella e oltre i 50 euro per quelli elettrici. È importante quindi valutare bene le proprie esigenze e aspettative prima di scegliere.

Gli spiralizzatori che costano di più di solito forniscono sempre qualche vantaggio in cambio: praticità, sicurezza, più opzioni di lame in acciaio in modo da poter produrre diversi tipi di pasta vegetale, longevità o risultati di qualità superiore. Se hai intenzione di utilizzare frequentemente il tuo dispositivo, vale la pena pagare un po’ di più.

  • Ingombro

Ci sono così tanti tipi di utensili che affollano la cucina, che è facile raggiungere rapidamente il punto in cui non hai più spazio per riporre i tuoi oggetti. Sicuramente non vuoi lavorare su un piano disordinato, quindi è necessario considerare a priori dove intendi riporre il tuo spiralizzatore quando non lo usi.

Se non hai spazio sul piano di lavoro o negli armadietti, è  necessario cercare uno spiralizzatore di dimensioni più ridotte, come un modello a pressione. Per i modelli più grandi a manovella, presta attenzione al numero di parti di cui sono composti e considera quale effetto avrà il tuo nuovo dispositivo sull’ordine generale della tua cucina.

Se riporre più lame e un contenitore per le verdure ti complica la vita, meglio prendere in considerazione un modello più compatto e con meno parti o un tipo a pressione, che puoi lasciare anche in un cassetto.

  • Facilità d’uso

Questa è una delle principali differenze tra gli spiralizzatori che trovi in giro. I modelli a manovella sono considerati all’unanimità più facili da usare rispetto a quelli a pressione, che richiedono sempre un po’ più di forza e di lavoro da parte delle braccia. Tieni anche presente che alcuni tipi a manovella sono progettati per essere più facili da usare rispetto ad altri.

Se questa è una priorità per te, leggi come funzionano i diversi modelli e consulta le recensioni per vedere cosa dicono gli utenti delle loro esperienze. Questo vale in particolare se hai l’artrite o qualsiasi altro problema di mobilità che potrebbe rendere difficile l’uso di alcune affettatrici a spirale.

  • Facilità di pulizia

Come per tutti gli utensili da cucina, anche per gli spiralizzatori il divertimento e l’eccitazione del loro utilizzo si traduce spesso nella delusione di doverli pulirli quando hai ultimato le tue preparazioni. E questi affettaverdure a spirale, in particolare, possono rivelarsi impegnativi dal punto di vista della manutenzione ordinaria.

Quando ti trovi di fronte a molteplici parti da lavare, una delle preoccupazioni maggiori è quello di eliminare le macchie (le barbabietole sono probabilmente le maggiori responsabili di questo grattacapo).

Indipendentemente dallo spiralizzatore che scegli, la pulizia sarà probabilmente impegnativa, ma alcuni modelli la renderanno più facile di altri. In alcuni casi puoi lavare i vari accessori in lavastoviglie, se non addirittura tutta la macchina.

Se per te la pulizia è la parte più gravosa dell’intero ciclo di preparazione dei tuoi piatti, assicurati di prendere in considerazione la struttura dell’apparecchio prima di acquistarlo.

  • Qualità dei risultati

Numerosi fattori possono influenzare il modo in cui si ottengono i risultati finali. La prima cosa da considerare è che genere di spaghetti  tagliatelle vuoi realizzare. Poter creare forme di pasta che abbiano la giusta consistenza e spessore è sempre un bonus.

Inoltre,  prendi in considerazione la qualità della lama. Le lame che diventano opache rapidamente non produrranno la stessa qualità di spaghetti nel tempo e spiralizzatori con diverse opzioni di lama ti daranno più varietà di pasta, per rendere ancora più vivace ciò che porti in tavola.

Non da ultimo, pensa agli scarti. Se una certa parte di ogni verdura che trasformi in tagliatelle a spirale viene scartata perché lo spiralizzatore non affetta correttamente l’intero pezzo, allora produrrai meno cibo a parità di investimento e contribuirai a incrementare il grave problema dei rifiuti alimentari che affligge il mondo intero. Cerca uno spiralizzatore che utilizza la maggior parte della verdura in modo da ottenere il giusto valore di quello che spendi per l’acquisto degli alimenti.

  • Durata

Senza ombra di dubbio, vorrai acquistare uno spiralizzatore su cui puoi contare per anni, anche se lo usi frequentemente. Per identificare i modelli che ti offrono una maggiore probabilità di durata, controlla le recensioni.

I commenti sui prodotti a basso prezzo spesso mettono in evidenza che il dispositivo si è rotto dopo poco tempo. Si consiglia, a questo proposito, di tenere sempre presente il vecchio detto “ottieni ciò che paghi”.

Dovresti anche tenere d’occhio eventuali garanzie offerte da diversi modelli. Se un marchio supporta il proprio prodotto con una garanzia prolungata negli anni, di solito puoi  avere maggiori aspettative di durata, con meno problemi.

  • Tipi di forme

Se vuoi creare diverse forme e dimensioni di pasta di verdure, scegli allora uno spiralizzatore che viene fornito con diversi tipi di lama. Se hai già qualche idea di come ti piacerebbe realizzare la tua pasta vegetale, cerca un’affettatrice a spirale che sia in grado di realizzarla.

La maggior parte delle persone sarà soddisfatta di ottenere qualsiasi tipo di tagliatella di verdure, ma se sei un po’ più esigente e cerchi il modo per ottenere una forma particolare,  scegli un prodotto che sai che funzionerà meglio per te.

Come prendersi cura dello spiralizzatore?

miglior-spiralizzatore

Qui di seguito trovi alcuni pratici suggerimenti per prenderti cura in modo pratico e veloce del tuo spiralizzatore.

  • Puliscilo subito

Innanzitutto, al termine dell’utilizzo non lasciare il tuo apparecchio nel lavandino per molto tempo, pensando di occuparti in seguito della sua pulizia:  immediatamente dopo l’uso metti tutti i componenti lavabili sotto l’acqua corrente. Alcuni modelli possono anche essere messi in lavastoviglie integralmente o anche solo in parte.

  • Rimuovi lo sporco difficile

Se la sostanza vegetale non si stacca facilmente, è possibile utilizzare acqua calda e sapone per ammorbidire le impurità, procedendo poi a rimuoverla con un pennello.

Questo vale soprattutto se usi lo strumento per affettare le barbabietole, perché se le impurità non vengono rimosse immediatamente potrebbero macchiare definitivamente le lame e il corpo della macchina.

  • Asciugalo con attenzione

Al termine della pulizia, passa lo strumento con un panno pulito , facendo attenzione alle lame, e lascialo quindi asciugare completamente sul piano di lavoro.

Come usare uno spiralizzatore di verdure?

Anche se si tratta di un utensile di utilizzo abbastanza intuitivo, vale la pena di soffermarsi su alcuni dettagli che ti consentiranno di trarre il massimo dal tuo nuovo spiralizzatore.

  • Fissalo sul piano di lavoro

Se stai utilizzando un modello a manovella, è importante innanzitutto fissarlo in modo stabile e sicuro al piano di lavoro. Molti modelli sono dotati di ventose che aiutano a posizionare saldamente l’unità nell’area di lavoro.

Non iniziare a lavorare prima di avere la certezza che lo strumento sia ancorato senza possibilità di muoversi. Ovviamente, nei modelli a pressione questo passaggio non è richiesto, dal momento che durante ogni operazione non saranno appoggiati su un piano ma verranno tenuti sollevati con entrambe le mani.

  • Posizionare una lama

A questo punto, scegli la lama da inserire nell’unità in base alla forma di spaghetti che desideri realizzare. Questa operazione va effettuata con la massima attenzione, perché un errato posizionamento si ripercuoterà inevitabilmente sul corretto funzionamento del dispositivo.

  • Lava le verdure

Lava con la massima cura le verdure, come le zucchine carote prima di usare lo spiralizzatore e, una volta fatto questo, asciugale.

Si tratta di due operazioni preliminari di fondamentale importanza per garantirti la corretta igiene: una volta tagliate con lo spiralizzatore, infatti, non avrai alcuna possibilità di lavare i tuoi ingredienti.

  • Inserisci gli ingredienti

Dopo aver eseguito il passaggio precedente, inserisci la verdura o la frutta desiderata nell’apparecchio. Accertati, prima di procedere, di aver inserito il disco corretto in base l risultato che vuoi ottenere.

  • Ruota la manovella

A questo punto sei pronto a girare la manovella e assistere, come per magia, alla produzione dei tuoi spaghetti di verdure. Assicurati di ripetere i passaggi appena descritti se hai qualche dubbio sull’uso di un spiralizzatore di verdure.

Conclusioni

Gli spaghetti alle verdure sono diventati estremamente popolari negli ultimi anni poiché sempre più persone cercano di aumentare la quantità di verdure e di frutta consumata quotidianamente. E gli spiralizzatori servino proprio a trasformare una comune insalata in un piatto irresistibile per tutti i membri della tua famiglia, bambini inclusi.

Dal momento che in commercio trovi diversi tipi di utensili che offrono prestazioni differenti, è importante focalizzare l’attenzione sulle proprie esigenze di preparazione (e di pulizia finale del dispositivo!) prima di effettuare la scelta.

Lo spiralizzatore verticale della Sedhoom ha suscitato il nostro interesse per via della notevole stabilità durante ogni fase della lavorazione. Viene fornito con quattro lame per creare una grande varietà di forme di verdura e frutta, insieme a un ampio contenitore per la raccolta degli spaghetti. Buone notizie anche sul fronte della pulizia, che può essere effettuata comodamente in lavastoviglie.


Domande frequenti

🥒🥕 1. A cosa serve uno spiralizzatore?

I tagliaverdure a spirale sono strumenti da cucina usati per tagliare in forma di spaghetti e tagliatelle la frutta e la verdura, come zucchine,  patate, cetrioli, carote, mele e barbabietole, per dare un tocco originale alle tue preparazioni.

🥒🥕 2. Vale la pena acquistare uno spiralizzatore?

Uno spiralizzatore rappresenta lo strumento ideale per incrementare il consumo di frutta e verdura in famiglia. Se hai la necessità di inserire un maggior quantitativo di ingredienti naturali nella tua dieta, o se vuoi convincere i tuoi piccoli a mangiarne un po’ di più, allora lo spiralizzatore è ciò che fa per te.

🥒🥕 3. Quanto costa uno spiralizzatore?

Tutto dipende dal tipo che stai cercando: a pressione, a manovella o elettrico? Uno spiralizzatore  pressione non influirà particolarmente sul tuo budget, dal momento che trovi moltissimi modelli a mendo di dieci euro. L’investimento diventa un po’ più impegnativo per i tipi a manovella, che si posizionano nella fascia tra i 20 e i 40 euro. Se non rinunci alla comodità, prevedi di utilizzarlo frequentemente e non hai problemi di spazio in cucina, puoi orientare il tuo acquisto a un modello elettrico: in questo caso metti a budget ameno 50 euro.

POSTA UN COMMENTO